LA FALCONERIA PATRIMONIO CULTURALE IMMATERIALE

“La Falconeria, un Patrimonio Umano vivente”: è questa la dizione con cui la candidatura transazionale presentata da 18 Paesi, tra cui l'Italia, è stata iscritta nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO dal Comitato Intergovernativo riunito ad Addis Abeba dal 28 novembre al 2 dicembre 2016.

 

Il riconoscimento dell'Unesco conferma il valore culturale di questa disciplina millenaria arrivata ai giorni nostri: le motivazioni dell'iscrizione sottolineano come in molti Paesi essa rappresenti uno dei pochi legami ancora esistenti con le antiche tradizioni locali e con l'ambiente naturale. Nata come metodo di caccia, la falconeria si è sviluppata nel tempo acquisendo nuove connotazioni legate al rapporto tra uomo, ambiente e natura; oggi è praticata in continenti diversi con lo stesso metodo, anche se l'apparato tecnico può variare: in Italia è rappresentata e promossa dal Circolo dei Falconieri d'Italia, partner ufficiale della candidatura.